jazz

Miles Davis: "La musica e al vita sono solo questioni..."

"La musica e al vita sono solo questioni di stile"

Miles Davis

Intervista a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime musicali"

Intervista a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime musicali"

Un compositore dalle note raffinate, soffici e caleidoscopiche questi solo alcuni degli elementi caratterizzanti la sua personalità. Abbiamo avuto modo di incontrarlo ed apprezzarlo durante diverse escursione sonori che spaziano fra i differenti stili sonori dal jazz alla bossa alle composizioni per pianoforte. Nel 2008 racconta al nostro microfono del tour Cantautore Piccolino, successivamente l'artista prende una pausa per dedicare la propria sensibilità ed esperienza al cinema ed al teatro, come agli esordi.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo Sergio Cammariere per ascoltare insieme il suo lavoro. Bentrovato Sergio!

Grazie per avermi invitato, è sempre un piacere.

Un Cd che trasuda del tuo mondo. Possiamo definirlo un disco autobiografico?

Si, direi che è un concentrato di tutta la mia essenza, di tutte le anime musicali che da quando ho cominciato a fare questo mestiere contribuiscono a rendere unici sia i concerti sia gli album. Sento dentro la musica che ho ascoltato, che ho suonato, che ho amato. E il filo conduttore è sicuramente il sogno, l’immaginario, il vissuto interiore. Ci sono anche gli elementi primordiali della natura: l’acqua, la terra, il cielo… il mediterraneo. Tutto questo è nel nuovo album.

I riferimenti sonori sono diversi, la base è decisamente jazz e poi avvertiamo tanti richiami alla musica melodica, alla bossa e a tanto altro. Ma tutte queste canzoni sono state scritte per l’occasione?

No, sono brani che sono nati nel corso degli ultimi anni. Perché oltre a scrivere canzoni, mi occupo anche di cinema, di teatro, di televisione. Ultimamente per esempio ho lavorato per i Promessi Sposi, la grande opera di Michele Guardì e Pippo Flora, suonando i pianoforti e curando l’editing.
Poi ho lavorato con Dacia Maraini in dieci nuove canzoni tratte da Teresa la ladra, uno spettacolo interpretato da Mariangela D’Abbraccio.
Con Fabrizio Bosso invece abbiamo rimusicato tre vecchi film del 1915 del genio Charlie Chaplin: sono sessanta minuti di musica racchiusi in un dvd prodotto da Ermitage, casa di produzione francese.

Per la RAI inoltre ho lavorato sul film Tiberio Mitri - Il campione e la miss, esperienza durante la quale ho avuto modo di appagare sia la mia anima jazz sia quella sinfonica, dirigendo una vera e propria orchestra. Insomma, davvero tanti progetti.

Hai voluto dedicare il disco al regista, scenografo e designer Pepi Morgia. Quale sentimento prevale?

Pepi era una persona garbata, un gentiluomo. Abbiamo fatto tanta strada insieme, a partire dal Premio Tenco. Curò anche la regia del mio primo dvd registrato allo Teatro Strehler di Milano.

Intervista audio a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime"

Intervista audio a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime"

8:23 minutes (5.76 MB)

Un compositore dalle note raffinate, soffici e caleidoscopiche questi solo alcuni degli elementi caratterizzanti la sua personalità. Abbiamo avuto modo di incontrarlo ed apprezzarlo durante diverse escursione sonori che spaziano fra i differenti stili sonori dal jazz alla bossa alle composizioni per pianoforte. Nel 2008 racconta al nostro microfono del tour Cantautore Piccolino, successivamente l'artista prende una pausa per dedicare la propria sensibilità ed esperienza al cinema ed al teatro, come agli esordi.

Leggi intervista a Sergio Cammariere per racontare del suo omonimo lavoro.

Intervista a Lara Iacovini: "'S Wonderful"

Intervista a Lara Iacovini: "'S Wonderful"

Una rilettura in chiave femminile dei classici del jazz e soul di George Gershwin e Stevie Wonder questo il concept di Lara Iacovini intitolato 'S Wonderful (2011 – Abeat Records).

La canatutrice bresciana in questo lavoro si avvale di Riccardo Fioravanti (contrabbasso), Andrea Dulbecco (vibrafono) e Francesco D’Auria (percussioni). Partecipano, inoltre, come ospiti d’eccezione Alessio Menconi (chitarra), Massimo Colombo (piano, rhodes & synth), Giulio Visibelli (sax soprano, flauto) e DJ Skizo, presente nell’innovativo remix dance di I got rhythm.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo Lara Iacovini per raccontare di questo Cd dalle atmosfere “soffici” fra pop e soul. Bentrovata?

Grazie a voi per avermi invitata.

Un lavoro 'S Wonderful nato da quale ispirazione. Un omaggio ai due grandi maestri della scena internazionale?

Si, 'S Wonderful nasce da una forte passione per due grandi artisti del ‘900: George Gershwin e Stevie Wonder; nasce dal desiderio di immaginare un incontro tra loro, durante il quale essi si scambiano stile, idee, modi di interpretare, mantenendo però quella linea comune, che per noi è stata il trait-d’union del progetto: il gusto jazzistico.

Il doodle di Google per festeggiare Dizzy Gillespie

Ricorre oggi il compleanno di Dizzy Gillespie, un jazzista trombettista, pianista e compositore statunitense ma anche cantante, percussionista, nato nel South Carolina il 21 ottobre 1917 e scomparso a New York 6 gennaio 1993.

Alcune brevi note per descrivere la creatività di quest'Artista che riprendendo l'arte del bebop (chiamato semplicemente Bop uno stile del jazz di moda intorno agli anni '40 a New York) inventata da Charlie Parker la rielaborò facendolo diventare un fenomeno di moda e costume.

Google ricorda con il doodle, l'anniversario.

Tanti Auguri mr. Dizzy.....

Locomotive Jazz Festival con Alessio Bertallot al Kaibo

Locomotive Jazz Festival con Alessio Bertallot al Kaibo

Il Locomotive Jazz Festival propone una lunga serata in riva al mare presso al Kaibo di Marina di Salve (Le). L'appuntamento è per giovedì 29 luglio alle 19.00 dove sarà di scena Gemma Live Project, una produzione inedita del polistrumentista Roberto Gemma che ha all'attivo numerose collaborazioni artistiche tra cui quella con la Notte della Taranta; alle 21.00 sarà la volta del Francesco Pennetta 4tet, progetto musicale del batterista salentino che presenterà ufficialmente il suo cd Pulse accompagnato dal sassofonista Martin Jacobsen, dal chitarrista Francesco Palmitessa e dal contrabbasista Pietro Ciancaglini; a seguire concerto del chitarrista Roberto Cecchetto.

A mezzanotte spazio alla lunga notte in musica con la Locomotive Night Party, a far girare i piatti insieme al dj-resident Max Baccano ci sarà Alessio Bertallot, storica voce di radio Dee-Jay conduttore del popolare programma di musica elettronica e alternativa B-Side. Un featuring lungo una notte tra ritmi electro e incursioni jazz.

Il ritorno in dvd del Quartetto Cetra

Il ritorno in dvd del Quartetto Cetra

Sono stati interpreti, con le loro musiche, di una società che cambia nello stile e nelle abitudini rappresentandola con le loro musiche e reintepretazione di classici della letteratura. Parliamo di Enrico De Angelis, Giovanni Giacobetti (detto Tata), Iacopo Jacomelli e Enrico Gentile un quartetto vocale, che prende il Quartetto Egie, dalle quattro iniziali dei nomi dei componenti. Per cambiare successivamente Quartetto Ritmo, quando andò via Iacopo Jacomelli ed al suo posto arrivò Virgilio Savona.
Sarà nel nel 1941 che con l'arrivo di Felice Chiusano (cantante dell'EIAR) che subentrerà a Enrico Gentile si cambierà il nome, definitivamente, in Quartetto Cetra.

Era il periodo dei 78 giri prima e dei 33 dopo per una carriera longeva nel tempo dove alla base c'era la passione per il jazz e lo swing che si ascoltava dalle stazioni radio americane rigorosamente in AM.

Il loro stile riesce, ancora oggi, a creare un'atmosfera che vive nei ricordi di due generazioni ed è apprezzata amche dai giovani per i toni allegri e spensierati delle interpretazioni.
Numerosi i brani che Il Quartetto porta al successo da: Il Visconte di Castelfombrone a Un disco dei Platters, Che centrattacco, Nella vecchia fattoria a Vecchia America per un'indimenticabile Un bacio a mezzanotte ed I ricordi della sera, Però mi vuole bene.

I Cetra si fanno conoscere alla radio ma con l'arrivo nel 1954 della televisione conquistano anche questo nuovo strumento con lo show: In quattro si viaggia meglio ed ancora ebbero successo anche in Biblioteca di Studio Uno, regia di Antonello Falqui, per la reintepretazione di classici della letteratura, come Il conte di Montecristo o I tre moschettieri. Una band che ha segnato la storia dello spettacolo in Italia anticipando i più moderni show.

Intervista a Nicola Conte: "The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub"

Nicola Conte "The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub"

Prepara un tour mondiale fra Italia, Spagna e Giappone per la presentazione del nuovo disco The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub (Schema Records) che partirà il 19 novembre dall’Auditorium Parco della Musica di Roma.

The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub è un disco che conferma la classe del produttore, dj, collezionista Nicola Conte. Il quale ripropone con stile unico re-work e brani inediti per questo lavoro che lo vede partecipare come musicista.

Si ascoltano sonorità dalla bossa jazz, al latin jazz a l'elettronica più raffinata. Inoltre numerose ed importanti le collaborazioni fra i più autorevoli nomi della scena nu-jazz.

Al microfono di Patrizio LONGO incontriamo Nicola Conte per raccontare i possibili nuovi percorsi sonori della scena jazz internazionale. Benvenuto Nicola!

È da un po' che non ci sentivamo![...]

Lelio Luttazzi e Gorni Kramer - Carosello 1957

See video

Uno dei primissimi Caroselli, questo con Lelio Luttazzi e Gorni Kramer, risalente al 1957 (anno di nascita della celebre trasmissione televisiva). I due musicisti fanno pubblicità ad un noto dado per brodo dandoci la loro versione di cosa debba intendersi per "musica elettronica".

Segui Patrizio Longo su...