pop

Intervista a Domenico Protino. Un lavoro sincero dai colori pastello del Salento

E' al primo lavoro e di riscontri positivi ne ha già incontrati diversi. Dal Salento un'altra probabile promessa della scena pop nazionale. Le sue composizioni raccontano storie semplici, mai banali, le rime baciate diffondono lo stesso calore che trasmette il Sole della sua terra. Incontriamo Domenico Protino per raccontare dell'omonimo album.

Come è nato il tuo primo disco album da una serie di brani scritti e messi da parte oppure di getto?

La gran parte dei 10 brani erano già stati scritti prima che avessi l'opportunità, tanto agognata, di fare un primo album, anche se sono mediamente recenti. Fortunatamente ci sono molti periodi durante i quali ho la fortuna di scrivere canzoni che mi piacciono e mi rappresentano; la scelta non è stata facile ma ho optato per un filo logico che, dal mio intimo punto di vista, è la tenacia e la determinazione nel vivere cercando di raggiungere degli obiettivi.

Il disco di Domenico Protino dall'omonimo titolo viene stampato in due versioni quella italiana ed una spagnola. Perché questa scelta già dal primo lavoro?

Grazie alla mia partecipazione al Festival di Vina del Mar 2008, sono nati spontaneamente dei gruppi di fan che hanno spinto me e i miei produttori a questa scelta. Sono molto lusingato dell'affetto che ricevo quotidianamente. Ovviamente, non nego che il mercato latino americano sia un mercato dalle grandi potenzialità. E' stato molto interessante incidere l'album in spagnolo, una lingua che si presta molto bene al tessuto melodico e armonico delle mie canzoni; la musica, come qualsiasi altra forma d'arte, non conosce confini.
Con molta prudenza, usciremo con un singolo almeno in Cile, sicuramente entro l'anno e, successivamente, in concomitanza al Festival di Vina del Mar 2009 dove ritornerò per partecipare ad un'edizione particolare che vedrà scontrarsi i vincitori dal 2001 al 2008, sarà la volta dell'album in vari Paesi dell'America Latina.[...]

Intervista a Il Genio: "Pop-Porno un disco nato per caso"

Il successo del momento s'intitola Pop-Porno il primo singolo de Il Genio. L'idea del progetto è nata da Gianluca De Rubertis, fondatore anche degli Studio Davoli, in un mix di sonorità classiche ed infiltrazioni Japan-Pop provenienti da Alessandra Contini, voce della band.

Del singolo Pop-Porno De Rubertis afferma: "E' una canzone che non è stata composta".

Al microfono di Patrizio LONGO incontriamo Gianluca De Rubertis, componente e ideatore di un progetto che in questi giorni sta riscontrando un successo nazionale molto interessante. Ciao Gianluca!

Ciao ragazzi! Ciao!

Ritorni al nostro microfono per raccontare de Il Genio, un progetto parallelo agli Studio Davoli?

È un'altra cosa. Con gli Studio Davoli eravamo in pausa già da un anno, e nel frattempo non sono rimasto fermo.[...]

Intervista audio a Il Genio: "Pop-porno un disco nato per caso"


10:32 minutes (4.22 MB)

Il successo del momento s'intitola "Pop-porno" il primo singolo de Il Genio. L'idea del progetto è nata da Gianluca De Rubertis, fondatore anche degli Studio Davoli, in un mix di sonorità classiche ed infiltrazioni Japan-Pop provenienti da Alessandra Contini, voce della band.

Del singolo Pop-porno De Rubertis dice: "E' una canzone che non è stata composta".

Al microfono di Patrizio LONGO incontriamo Gianluca De Rubertis per raccontare di questa nuovo lavoro.

Lorenzo Cherubini: "So che è successo già. Che altri già si amarono..."

"So che è successo già
Che altri già si amarono
Non è una novità
Ma questo nostro amore è
Come musica
Che non potrà finire mai..."

Lorenzo Cherubini: "Come musica"

Segui Patrizio Longo su...