percussioni

Tony Esposito: "un bravo impollinatore"


13:51 minutes (5.55 MB)

Prima di affacciarsi sulla scena degli anni '70 ha collaborato con numerosi artisti della nazionali ed internazionali fra cui: Pino Daniele, Edoardo Bennato, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Gino Paoli, Roberto Vecchioni, Francesco Guccini.

Indiscusso percussionista tanto da essere definito "King of percussions" e fra i primi artisti italiani degli anni '80 ad essere esporto all'estero.

Effige della creatività di questo talento la ritroviamo nelle prime pubblicazioni da solista "Rosso napoletano" (1975) e "Processione sul mare" (1976). Prima di abbandonare la sperimentazione ed intraprendere il percorso che lo porterà al successo. Gli anni '80 rappresentano, infatti, l'acme di Tony Esposito.
Un viaggio fra ritmiche provenienti da diverse culture ed innovazione. Abile costruttore di strumenti unici per melodia che hanno dato successo a canzoni come "Kalimba de Luna" diventata fotografia della scena partenopea anni '80.

Incontriamo il musicista al microfono di EXTRANET per ripercorrere questi momenti di grande successo fra sperimentazioni, ritmo e voglia di conoscere nuove culture.

Intervista a Tony Esposito: "un bravo impollinatore"

Prima di affacciarsi sulla scena degli anni '70 ha collaborato con numerosi artisti della nazionali ed internazionali fra cui: Pino Daniele, Edoardo Bennato, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Gino Paoli, Roberto Vecchioni, Francesco Guccini. Indiscusso percussionista tanto da essere definito "King of percussions" e fra i primi artisti italiani degli anni '80 ad essere esporto all'estero. Effige della creatività di questo talento la ritroviamo nelle prime pubblicazioni da solista "Rosso napoletano" (1975) e "Processione sul mare" (1976). Prima di abbandonare la sperimentazione ed intraprendere il percorso che lo porterà al successo. Gli anni '80 rappresentano, infatti, l'acme di Tony Esposito. Un viaggio fra ritmiche provenienti da diverse culture ed innovazione. Abile costruttore di strumenti unici per melodia che hanno dato successo a canzoni come "Kalimba de Luna" diventata fotografia della scena partenopea anni '80. Incontriamo il musicista al microfono di EXTRANET per ripercorrere questi momenti di grande successo fra sperimentazioni, ritmo e voglia di conoscere nuove culture.

Al ritmo delle percussioni di Tony Esposito

Vibrazioni Mediterranee è il progetto del percussionista Tony Esposito che all'attivo vanta numerose collaborazioni con artisti della scena nazionale ed internazionale fra cui: Pino Daniele a Edoardo Bennato, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Francesco Guccini, Gino Paoli, Roberto Vecchioni ed altri.
Questa produzione è basata sul ritmo ad affiancare il percussionista anche Martino De Cesare. Un set dai colori mediterranei come si comprende dal titolo per coniugare “tribalità” e raffinatezza.
Al microfono di EXTRANET a breve incontreremo l'artista che è stato nel Salento per la rassegna “Creatività. Giovani Artisti in Tour” organizzata da Mad Managment.
Nel corso della carriera Esposito è stato fra i pochi artisti italiani ad essere esportato all'estero negli anni '80 inoltre la passione per la sperimentazione li permette di ricevere il titolo di "King of percussions".

Intervista a Tullio De Piscopo

Tullio De Piscopo fra i più celebri percussionisti italiani. A soli tredici anni inizia la sua carriera artistica suonando nei club del porto di Napoli ai marines americani. Il ritmo è scritto nel suo dna lo si percepisce ascoltando il live.

Si alternano ritmi jazz, elettronica e come afferma lo stesso Artista sperimentazione. Non mancano alcune considerazioni che De Piscopo esprime fra un'esibizione ed un'altra. Ha il calore del Sud, l'energia che contraddistingue questa terra. [...]

Intervista audio a Tullio De Piscopo


6:00 minutes (2.41 MB)

Tullio De Piscopo fra i più celebri percussionisti italiani. A soli tredici anni inizia la sua carriera artistica suonando nei club del porto di Napoli ai marines americani. Il ritmo è scritto nel suo dna lo si percepisce ascoltando il live.

Si alternano ritmi jazz, elettronica e come afferma lo stesso Artista sperimentazione. Non mancano alcune considerazioni che De Piscopo esprime fra un'esibizione ed un'altra. Ha il calore del Sud, l'energia che contraddistingue questa terra.

Quando si ascolta la performance sembra di percepire un'estensione che De Piscopo ha con la batteria e tutto quello che è percussione, ritmo.

Da pochi minuti si è concluso il live che ha visto la partecipazione della Pummarola Blues Band e di Patrizia Conte. Definita da De Piscopo come "una donna bianca ma con una voce nera". Lo incontriamo nel suo camerino e non possiamo non fare i complimenti per la serata. La domanda d'obbligo; dove nasce il grande successo "Andamento Lento". Tullio ci racconta: "dovevo preparare il provino da presentare per il festival di Sanremo. C'era la musica ma non avevo il testo. Avevo abbozzato delle cose. Chiamai il Taxi che mi avrebbe dovuto portare da Roma vicino Ostia a finire il brano. Salì sul taxi e dopo pochi metri trovammo traffico. Chiesi al tassista cosa fare e mi rispose: Ma cosa vuole a Roma è tutto 'na andamento lento. La parole mi piacque e proprio nel taxi scopri la vena artistica che mi avrebbe portato alla realizzazione del brano... Chiesi quanto avrebbe voluto per portami direttamente a Napoli. Accettai la proposta invitandolo a non percorrere l'autostrada ma la via del mare.... - Scivola come un onda libera e ti porta via......"

Segui Patrizio Longo su...