nu-jazz

Papik: sonorità nu jazz e soul in "Sounds for the open road"

Un progetto con brani di cover ri-visionate in chiave jazz e soul e non solo anche brani inediti. Queste le metriche di Sounds for the open road il cd di Papik al secolo Nerio Poggi.

Numerose le collaborazioni dal primo lavoro Rhythm Of Life del 2009, fra queste quella con Mario Biondi negli album Handful of soul e I love you more.

Incontriamo Papik per raccontare questa nuova sonorizzazzione, Bentrovato.

Ciao Patrizio.

Come sono state scelti i brani da rendere cover?

Non c’è un metodo per la scelta, per esempio More than i can bear dei Matt Bianco è nata dopo la collaborazione mia al loro ultimo album, “che sarà” mi fu commissionata dai giapponesi in chiave bossa e mi piacque a tal punto da volerla mettere nel cd, Sarah Jane Morris è un po’ la Barry White femmina e quindi la scelta è stata facile.

Sounds for the open road è un doppio album con diverse partecipazioni da Sarah Jane Morris a Mark Reilly (Matt Bianco) passando per Fabrizio Bosso, ad Alan Scaffardi ed altri prestigiosi artisti. Come è stata effettuata la scelta?

Fabrizio l’ho conosciuto ai tempi di Mario Biondi, l’ho sempre ammirato, Alan è da sempre il cantante “Papik” assieme a Ely Bruna, e per gli altri ti ho un po risposto con la precedente domanda.

Quando si crea un lavoro inserendo alcune cover si corre sempre il rischio di non riuscire a rendere io dovuto omaggio alla canzone originale non per questioni tecniche ma perché l'ascoltatore è legato alla prima versione?

Si corre questo rischio ma non mi creo il problema.

Una linea sonora, quella che si disegna ascoltando i lavori di Papik, estremamente elegante e raffinata. Quali il segreto?

Beh grazie per il complimento, non so se sia un segreto, è il mix di tutto ciò che ho ascoltato ed amato nella mia vita, si sentono le influenze credo….

Se curiosassimo nella tua biblioteca sonora quali i titoli che troveremmo?

Posso dirti alcune cose tra le tante… Sinatra, Jobim, Bacharach, Morricone, Steely Dan, Vannelli, Earth Wind & Fire, Stevie Wonder, Michael Jackson (con Quincy Jones), Dalla, Concato, Pino Daniele (i primi cd), Police…

Questo lavoro anticipa anticipa un secondo volume?

Non credo, penso che con questo progetto mi prenderò una lunga pausa in quanto sono molto soddisfatto del lavoro e vorrei ripropormi con un cosa all’altezza.

In cantiere?

Il nuovo cd di Ely Bruna in uscita a settembre, un cd in italiano con Alessandro Pitoni, un progetto di smooth jazz con musicisti internazionali storici del genere e dopo cocktail martino di qualche anno fa (dedicato alla musica di Bruno Martino), cocktail mina…insomma tanta carne al fuoco.

Intervista a Nicola Conte: "The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub"

Nicola Conte "The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub"

Prepara un tour mondiale fra Italia, Spagna e Giappone per la presentazione del nuovo disco The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub (Schema Records) che partirà il 19 novembre dall’Auditorium Parco della Musica di Roma.

The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub è un disco che conferma la classe del produttore, dj, collezionista Nicola Conte. Il quale ripropone con stile unico re-work e brani inediti per questo lavoro che lo vede partecipare come musicista.

Si ascoltano sonorità dalla bossa jazz, al latin jazz a l'elettronica più raffinata. Inoltre numerose ed importanti le collaborazioni fra i più autorevoli nomi della scena nu-jazz.

Al microfono di Patrizio LONGO incontriamo Nicola Conte per raccontare i possibili nuovi percorsi sonori della scena jazz internazionale. Benvenuto Nicola!

È da un po' che non ci sentivamo![...]

Nicola Conte: "The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub"

In preparazione un tour mondiale che lo vedrà protagonista entro la fine dell'anno per la promozione del nuovo album: The Modern Sound Of Nicola Conte – Versions in Jazz-Dub (Schema Records).

Il dj, produttore, collezionista Nicola Conte in questo disco ripercorre alcuni fra i successi più noti della scena latin jazz, bossa ed inserisce alcuni elementi di elettronica.[...]

Intervista a Nerio Poggi: "Rhythm of life" le sonorità nu-jazz

Papik è un progetto nato da un'idea del produttore romano Nerio Poggi, autore e arrangiatore che spazia tra sonorità nu-jazz, soul e pop. Il primo lavoro di questo progetto s'intitola Rhythm of life per Irma la Douce.

Sono 14 le tracce sonore con le collaborazioni delle voci di Ely Bruna e Alan Scaffardi. Interessanti le cover con E la chiamano estate di Bruno Martino e Crazy di Gnarls Barkley.

Incontriamo al microfono di Patrizio Longo l'ideatore del progetto, Nerio Poggi per raccontare come sono stati selezionati i brani.

Come nasce la collaborazione con Ely Bruna e Alan Scaffardi?

Ely Bruna l'ho conosciuta a Roma nel 2000 presentatami da un mio amico chitarrista in quanto mi serviva una cantante per le mie composizioni. É stato amore a prima vista. Alan me lo ha presentato e consigliato Mario Biondi, è un grande cantante e un caro amico.[...]

Nicola Conte - Other Direction (Blue Note / Emi Music - 2004)

Il tanto atteso nuovo lavoro di Nicola Conte “Other Direction”. Un tappa importante per il produttore dj barese che con questa nuova produzione si affaccia sul mercato mondiale.

L'album è anticipato dal singolo Kind Of Sunshine un mix di bossanova, jazz e ritmi elettronici. Pubblicato lo scorso 9 luglio verrà distribuito in (Germania, Francia, Belgio, Olanda, Belgio, Svizzera, Paesi Scandinavi, Giappone, Brasile, Argentina, Paesi dell’Est, Messico, Inghilterra). Nicola Conte lavorava da tempo su questo progetto che arricchisce la sua carriera di produttore e dj della scena nu-jazz.

Il sound è quello delle atmosfere di fine anni cinquanta ed inizio sessanta Nicola riprende quelle atmosfere e le riscrive con una ventata di freschezza, con una ritmica inconfondibile che firma sempre i suoi lavori.[...]

Intervista a Nicola Conte

Nicola Conte

Questa sera al microfono di EXTRANET un amico che da tempo non ascoltavo. Nicola Conte fra i personaggi più noti nella scena della musica italiana di qualità. Un dj, produttore capace di miscelare musica jazz e bossa nova.

Nei tuoi progetti c'è l'uscita del nuovo disco su un'importante e storica etichetta per il jazz?

Sì, la Blue Note.

Ci parli di questo nuovo lavoro e delle collaborazioni stabilite?

Il disco è ispirato al jazz della fine degli anni '50 e '60 con una particolare predilezione per quello registrato in Europa in quel periodo. Contiene molte canzoni e ha come ospiti alcuni fra i più bravi jazzisti italiani tra i quali Gianluca Petrella, Daniele Scannapieco, Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Pietro Lussu, Pietro Ciancaglini, Lorenzo Tucci, Till Bronner che è un trombettista tedesco e anche cantante, poi ci sono quattro cantanti diverse che sono Cristina Zavalloni, Lucia Minetti, Bembe Segue e Lisa Bassenge.

Segui Patrizio Longo su...