film

Edoardo Winspeare l'intervista ai "Galantuomini"

Edoardo Winspeare ritorna al microfono di EXTRANET per raccontare dei "Galantuomini" la nuova pellicola scritta dal regista con Alessandro Valenti e Andrea Piva. Storie d'amore fra razionalità e sentimento.

Eccoci qui, a raccontare di questa nuova produzione, che tu già accennasti nel nostro precedente incontro, credo primavera 2007, "I galantuomini": ma quali sono questi galantuomini?

I galantuomini sono alcune persone, che esistono ancora, che cercano di comportarsi bene. E’ un termine molto usato in Italia, specialmente da noi a Lecce (si usa molto dire “è un avvocato galantuomo, un sindaco galantuomo, ecc.”): un po’ per storia perché ancora la forma è importante, un po’ perché non c’è tanta gente che si comporta da galantuomo, quindi si enfatizza quando uno si comporta bene – quando dovrebbe essere una cosa normale.[...]

Edoardo Winspeare storie d'amore fra ragione e sentimento.

Edoardo Winspeare

12:07 minutes (4.86 MB)

Edoardo Winspeare ritorna al microfono di EXTRANET per raccontare dei "Galantuomini" la nuova pellicola scritta dal regista con Alessandro Valenti e Andrea Piva. Storie d'amore fra razionalità e sentimento.

Edoardo Winspeare con i Galantuomini

Edoardo Winspeare

Ha da poco concluso le riprese del suo ultimo lavoro "I Galantuomini" girato fra il Salento e l’altra sponda dell’Adriatico. La pellicola è stta scritta da Edoardo Winspeare  con Andrea Piva, fratello di Alessandro e coautore delle sue pellicole e con il salentino Alessandro Valenti, interprete di Sangue Vivo e regista di numerosi cortometraggi.[...]

Franco Battiato "contento di fare la mia conoscenza"

"Era, credo il 1967 e gli Who, il gruppo inglese di "My generation" (quelli che spaccavano gli strumenti alla fine do ogni concerto), quella sera, suonavano a Milano". Ero curioso (con giudizio) di vederli e sentirli dal vivo. (Franco Battiato "in fondo sono contento di aver fatto la mia conoscenza" - Bompiani – 2007). Inizia con queste parole il nuovo libro di Franco Battiato che ricorda un tempo passato e genera un ponte con il presente allora futuro.

Il Maestro rimarca il proprio il credo nei confronti delle Arti meditative ricordando la "Legge delle tre forze l'attiva-la passiva-la neutralizzante". Secondo la quale l'Universo è governato da queste tre regole basilari.

Il libro è accompagnato da un doppio dvd, edito da Grandi Assaggi Bompiani, i quali prendono il titolo dal cd del 2006 "Il Vuoto" dove si trova la canzone "Niente è come sembra".[...]

Le Fate Ignoranti: "Che stupidi che siamo..."

"Che stupidi che siamo: quanti inviti respinti, quante parole non dette, quanti sguardi non ricambiati. A volte la vita ci scorre davanti e noi non ce ne accorgiamo nemmeno!
Hai fatto bene ad accettare, sarà un viaggio molto bello!"

Le Fate Ignoranti di Ferzan Ozpetek

Sabina Guzzanti analisi d'autore.

Sabina Guzzanti irriverente personaggio dello spettacolo al microfono di EXTRANET per raccontare della nuova produzione cinematografica "Le ragioni dell'aragosta". Mi viene spontaneo a giocare con le parole chiedere alla regista quali sono le "parole dell'aragosta"?.
Un cinema ri-educativo, introspettivo che pone lo spettatore in un ruolo di analisi verso una società costruita e basata sull'arte del "non dire".
A breve vi ripasserò il contributo realizzato in occasione della proiezione al Nuovo Cinema Elio il 18/10/2007.

foto: Cricchi-Ferrara

Segui Patrizio Longo su...