cover

Intervista audio a Mario Verzin quando la passione vince sui dubbi


5:03 minutes (2.03 MB)

Mario Verzin carismatico quanto deciso a manifestare le proprie doti canore sul un palcoscenico quello dei Fuoriclasse. Il programma di Rai Uno condotto da Carlo Conti.

Giovane promessa della musica italiana, viene dal Salento dalla terra che ha regalato diversi nomi al panorama internazionale, non ultimi i Negramaro che da qualche anno sono sempre primi nelle classifiche di vendita. Il suo è un modo di porsi delicato verso il pubblico e nel reinterpretare grandi successi, attraverso una voce dalle brillanti estensioni che mai va a scalfire la versione originale.

Di sogni ne avrà tanti e ci piacerebbe, iniziare a condividerne esperienze con questo incontro dove Mario si racconta.

Il sito: www.artemisiarock.com

Mario Biondi il live mondiale "I love you more"

Debutto Mondiale al Teatro Regio di Parma, del tour “I love you more – Live”, protagonista Mario Biondi, la voce rivelazione dell’anno, l’artista artefice del ritorno ai vertici delle classifiche italiane della musica jazz e soul.

Mario Biondi, dopo l’enorme successo di pubblico ottenuto con il doppio cd Live “I Love You More”, si esibirà con la Duke Orkestra, un’orchestra di 23 elementi, nel prestigioso Teatro Regio di Parma con tre concerti previsti il 31 gennaio, il 1 febbraio e il 2 febbraio 2008.

Il repertorio proposto, rappresenta un viaggio attraverso la musica di gran classe, basti ricordare brani come "Close To You" di Burt Bacharach o "Just The Way you Are" di Billy Joel, riproposta come omaggio ideale alla storica versione interpretata dal grande Barry White; gli inediti Rebirth, "MoonLight in July" e "I Love You More", title track dell’album, firmata dallo stesso Mario Biondi. Un autentico tributo alla musica di qualità proposto da un artista che conferma di essere uno dei nuovi grandi protagonisti del panorama musicale Italiano e Internazionale.[...]

I Lombroso con Dario Ciffo

Al microfono di EXTRANET ritornano a raccontarsi i Lombroso con Dario Ciffo che già nel 2004 con la pubblicazione del primo album si affaccio nel nostro salotto. Dario è anche l'autore dei testi di questo nuovo album che si intitola “Credi di conoscermi” (2007 – WellDone) un lavoro che vanta diverse collaborazioni dalla scena rock contemporanea da Morgan a Roberto Dell'Era (Afterhours), Enrico Gabrieli (Mariposa), un tributo a Patty Pravo e la registrazione presso le Officine Meccaniche di Mauro Pagani.

E' un disco “fuorioso” così lo definiscono gli stessi Autori rappresenta anche un passo avanti ed un maturità espressiva.

Il vostro secondo lavoro lavoro “Credi di conoscermi” si apre con “Si riparte da zero”. Perché un titolo che lascia intendere un reset?

Perché, è un nuovo disco, dunque, ci si presenta come se fosse la prima volta, vergini, sia musicalmente che nella vita. Uno stimolo per ripartire, per darsi una nuova ragione un nuovo proposito. (...)

Intervista ad Alessandro Querci dei Mondo Candido

Al microfono di EXTRANET con Alessandro Querci di Mondo Candido. Spesso sarà capitato di apprezzare le loro produzioni seduti in un lounge bar. Luogo ideale per assaporare le atmosfere che riecheggiano un tempo ormai passato. Dai suoni dell'America anni '70 con Lalo Schifrin, Herbie Hancock, Henry Mancini, Quinci Jones alla Dolce Vita di Domenico Modugno, Bruno Martino e Patty Pravo. Questa la miscela che porta i Mondo Candido a proporre musica anche in Giappone con un inaspettato successo. Adesso si lavora alla realizzazione di un Cd di remix che avrà diverse collaborazioni da varie parti del mondo. Francesco lo definisce come un lavoro di “web-oriented”.

Magari preparate un gustoso drink per assaporare al meglio questo incontro.[...]

Alessandro Querci e il suo "Mondo Candido"

I prossimi incontri con una Band che ho sempre apprezzato per l'eleganza e lo stile nella proposta musicale.

I Mondo Candido nei prossimi incontri di EXTRANET a raccontare questa avventura farcita da atmosfere Acid Jazz (termine ormai inflazionato) e tanta buona elettronica.

Dalla scena americana anni '70 alla dolce vita italiana da Lalo Schifrin a Domenico Modugno.

Non perdete questo incontro fra ricordi del passato e mete da conquistare.

Intervista a Fiorella Mannoia: "1 Euro è 2 mila Lire"

Intervista a Fiorella Mannoia: "1 Euro è 2 mila Lire"

Navigando in un mare di successi rivolti verso l'Onda Tropicale, quella di Fiorella Mannoia e del nuovo lavoro, forse il più importante della carriera artistica.

Importanti le collaborazioni con personaggi della scena latino-americana come Milton Nascimento, Caetano Veloso, Chico Buarque solo per citarne alcuni. Una ricca carriera artistica ed una vita personale sempre più lontana dal gossip.

Un incontro piacevole con un personaggio che lega saldamente il rapporto fra arte-politica e continua a segnare la scena della musica italiana d'autore.


Al microfono di EXTRANET con Fiorella Mannoia. Sei considerata fra gli Artisti più di classe nella scena della musica italiana. Proprio sull'onda di quest'estate, di questo successo e di quest'"Onda Tropicale", fra l'altro titolo del tuo nuovo disco che vede la collaborazione di volti noti della scena latino-americana, dove nascono queste collaborazioni spontanee che da tempo ti vedono orientata verso la cultura ed i costumi latino-americana?

Le collaborazioni, ritengo, anche quelle avuto in Italia si basino sulla stima reciproca. Nella vita come nel lavoro si frequentano le persone che ti assomigliano. Quando ci si assomiglia non esiste: lingua, nazione, continente. Basta guardarsi meglio occhi per comprendersi.

Come affermava Natalia Ginzburg (Ndr. scrittrice di primo piano della letteratura italiana del Novecento), “le persone si annusano e si riconoscono anche in una caverna buia”.

Le persone si riconoscono così. Io ho avuto la fortuna nelle collaborazioni brasiliani di conoscere Chico Buarque quando Ivano Fossati ha tradotto e adattato “Che sarà”. Poi ho conosciuto Caetano Veloso. Questa passione che ho sempre avuto per il Brasile si è poi concretizzata con gli Artisti che hanno collaborato a questo progetto. Non immaginavo una adesione così importante. Non avrei mai pensato di fare un disco con tanti Artisti pensavo di realizzarlo con Chico Buarque, Caetano Veloso, Gilberto Gil. Poi invece sull'onda dell'entusiasmo di questi Artisti si sono aggiunti anche gli alti nomi.

Intervista a Andy MacFarlane di The Hormonauts

Ritornano al nostro microfono The Hormonauts con la voce di Andy il leader della Band. Un percorso in ascesa, uno Scozzese incontra un’Artista italiano e da qui nasce il progetto degli “Hormonauti”. Andy da quindici anni è in Italia, iniziando a fare sculture, ci racconta. Da lì a breve l’incontro con Sasso e l’approccio con la musica dalle mille sfaccettature. Si lavora al nuovo disco che non avrà cover solo canzoni inedite.

Segui Patrizio Longo su...