cinema

Intervista audio a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime"

Intervista audio a Sergio Cammariere: "in questo lavoro concentro tutte le mie anime"

8:23 minutes (5.76 MB)

Un compositore dalle note raffinate, soffici e caleidoscopiche questi solo alcuni degli elementi caratterizzanti la sua personalità. Abbiamo avuto modo di incontrarlo ed apprezzarlo durante diverse escursione sonori che spaziano fra i differenti stili sonori dal jazz alla bossa alle composizioni per pianoforte. Nel 2008 racconta al nostro microfono del tour Cantautore Piccolino, successivamente l'artista prende una pausa per dedicare la propria sensibilità ed esperienza al cinema ed al teatro, come agli esordi.

Leggi intervista a Sergio Cammariere per racontare del suo omonimo lavoro.

Sergio Rubini: "Il cinema è un'esperienza compensativa..."

"Il cinema è un'esperienza compensativa, si è quello che non si è"

Sergio Rubini da Invasioni Barbariche del 21/03/2008

Aperte le iscrizioni per 'O Curt la videorassegna del cortometraggio a Napoli

Aperte le iscrizioni per 'O Curt la videorassegna del cortometraggio a Napoli

Dal 1996 la Mediateca S. Sofia - in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli e ideata con la collaborazione dell’Associazione Culturale FILMapART e di Uniso Onlus - promuove la rassegna di cortometraggi 'O Curt.

Tutti i film vengono conservati e catalogati in un archivio consultabile presso la sede della Mediateca. La tredicesima edizione del festival si svolgerà a Napoli a febbraio 2010.

La rassegna ha lo scopo di indagare il mondo della produzione audiovisiva locale e giovanile, il raggio di esplorazione si è andato allargando agli autori nazionali ed internazionali, ha l'obiettivo di documentare affinità e differenze. Anche per questa edizione (settimo anno consecutivo!) la rassegna 'O Curt ospita nel suo programma lo spazio dedicato ai videoclip musicali, curato dalla redazione della nostra rivista.

La sezione è aperta alle opere (inedite e non) di gruppi musicali di tutta Europa già affermati oppure esordienti. L'inserimento di videoclip musicali all'interno di 'O Curt va incontro alla necessità di concedere visibilità e occasione di confronto soprattutto ad una schiera di autori che, per scelta o per altre ragioni, orbitano distanti dai canali "istituzionali", preferendo svincolarsi e operare in ambiti e settori più "indipendenti".

7 doppiatori famosi intervistati da Patrizio Longo

studio di registrazione

Tra le decine di interviste presenti su PatrizioLongo.com non possono non essere notate quelle ad alcune tra le voci più famose d'Italia. Nomi che di solito non dicono nulla al pubblico "comune" ma che effettivamente sono presenti in film, spot pubblicitari, serie televisive, documentari e cartoni animati famosi.

Intervista ai Drunken Butterfly per "L'ultima risata"

Intervista ai Drunken Butterfly per "L'ultima risata"

Un lavoro nato come sonorizzazione per il film L'ultima risata (Germania, 1924) del maestro del cinema muto W. F. Murnau e regista noto anche per il film Nosferatu il vampiro. Una voce non voce arricchisce questo disco che è impreziosito da sonorità orchestrali. Un lavoro che nasce come sonorizzazione e si trasforma in uno spettacolo live.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo i Drunken Butterfly con Lorenzo Castiglioni per raccontare di un viaggio nato per dar voce ad un film muto?

Come Drunken Butterfly siamo nati come un classico gruppo rock, ma sinceramente cominciavamo ad essere un po' stanchi della solita routine disco – promozione – tour, anche perché oggi l’offerta di gruppi sul mercato è divenuta completamente sproporzionata rispetto alla domanda di locali e organizzatori per cui, non appena ci si è presentata l'occasione, ci siamo buttati a capofitto su quello che, a nostro avviso, è un progetto decisamente più accattivante e particolare.

Come nasce una colonna sonora?

Diciamo che inizialmente ci siamo limitati a guardare il film tantissime volte, ognuno per proprio conto ed anche tutti insieme, per cercare di entrare il più possibile nel mood e farlo nostro, dopodiché abbiamo cominciato a suddividere L'ultima risata cercando di individuare un certo numero di scene ben definito. Solo a questo punto abbiamo preso in mano gli strumenti e abbiamo cercato di comporre la musica che meglio si potesse adattare ad ogni particolare scena.

Intervista a Nina Zilli: "Sempre Lontano" è la musica della mia vita

Intervista a Nina Zilli: "Sempre Lontano" è la musica della mia vita

Una personalità come poche che innamorata della musica la esprime con passione e fantasie. Ha intrapreso gli studi di soprano, nonostante amasse il rock, per meglio impostare e calibrare la propria voce, ha interpretato in cover quell'indimenticabile sound della Motown Records che negli anni '60 coinvolse i giovani americani per sbarcare in dopo poco in quella che si sarebbe chiamata Europa.

Durante questo percorso, rigorosamente in musica, ha anche fatto la vee-jay. Con la band Chiara & Gliscuri ha identificato il proprio stile per il rocksteady, reinterpretando dalle icone della Giamaicani al pop di Madonna al rock di Metallica ed Ac/Dc. Insieme ai Franziska, interessante realtà reggae nostrana al pari di band come Sud Sound System, ha portato avanti un tour europeo.

Non per ultimo, il regista Ferzan Ozpetek, attento selezionatore di musiche per i propri lavori, decide di inserire nel suo ultimo Mine Vaganti il singolo 50mila estratto dal nuovo lavoro di questa interessante artista.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo Maria Chiara Fraschetta, in arte Nina Zilli, per raccontare di questa passione per la musica che l'ha vista anche protagonista alla passata edizione del Festival di Sanremo. Bentrovata Nina!

Grazie, ciao Patrizio!

Nel tuo nome si legge anche un tributo alla passione verso la musica Soul?

Certo, a Nina Simone, che è più jazz. Oltre ad essere la grandissima artista che il mondo conosce, è una donna che sa quello che vuole. È una guerriera che ha combattuto per tutto, nella sua vita. Era nera e donna in un mondo di maschi bianchi, per cui non ha neanche potuto diventare grande quanto avrebbe meritato. Pensa che per lei il jazz è stato un ripiego. Ha lottato per le donne, per la parità dei diritti, anche quelli della comunità afro-americana. È un grande esempio da seguire: le donne sono sempre bistrattate, oggi più che mai.

Intervista audio a Franca Valeri: "La sora Cecioni"

franca-valeri-09-09.jpg

7:14 minutes (4.97 MB)

Attenta lettrice della società e delle sue dinamiche, i suoi personaggi usano come elemento caratterizzante l'ironia per raccontare con eleganza e stile la società contemporanea. Questo carattere ironico lo ha evidenziato frequentando i salotti milanesi degli anni '50 che erano la fucina dei personaggi successivamente messi in scena.

I suoi personaggi si raccontano fra cinema, televisione e radio: la "Signorina Cesira" viene presentata prima in radio e nel 1954 diventerà in tv la "Signorina Snob", ritratto delle ipocrisie della borghesia milanese; le seguirà la romana "Signora Cecioni" nel programma "La regina ed io" del 1960.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo Franca Maria Norsa in arte Franca Valeri per ripercorrere un percorso artistico che si racconta fra radio, televisione, cinema, teatro per una icona dei nostri tempi.

Intervista audio a Giorgio Canali: "Io trafficante di suoni"


14:40 minutes (5.88 MB)

Il suo è un percorso che partendo dal punk si trasferisce a sperimentare attraverso la tecnologia del MIDI. Accompagnando così quella che durante gli anni '80 viene definita la musica rock-progressiva con i CCCP, CSI, PGR.

Al microfono di Patrizio LONGO incontriamo Giorgio Canali per ascoltare questo percorso fra punk, sperimentazione, elettronica e percorsi riflessioni personali.

Il documentario su Bob Marley: "Africa Unite"

Al Nuovo Cinema Aquila di Roma il prossimo 6 febbraio una serata dedicata al 64° compleanno di Bob Marley (nato il 6 febbraio 1945) è considerato icona della musica reggae. Il documentario, per la regia di Stephanie Black, farà riferimento al concerto del 2005 in Etiopia ed avrà come titolo Africa Unite.

Una serata speciale all'insegna della musica reggae e della cultura rastafariana venerdì 6 febbraio, alle ore 20:30 per la proiezione di questo lavoro i quali proventi della serata verranno devoluti a favore del progetto umanitario perseguito dall’Amref (African Medical and Research Foundation).

Fra le note si legge che il lavoro sarà disponibile dal 11 febbraio in supporto dvd prodotto dalla RaroVideo e diretto da Stephanie Black.

Africa Unite è il film/documentario che racconta il viaggio in Etiopia dei figlidel profeta del reggae, per partecipare alla manifestazione del 2005 organizzata ad Addis Abeba in occasione del sessantesimo anniversario della nascita di Robert Nesta Marley. Il culmine di Africa Unite si raggiunge con il grande concerto di Meskel Square, dove i figli di Marley ed altri artisti hanno interpretato con passione – davanti ad oltre 300mila spettatori – i classici di Marley, gli stessi che nel film accompagnano le immagini fin dall'incipit e fanno da trait d'union con la spiritualità rasta che pervade l'intera pellicola. Il dvd Africa Unite comprende, inoltre, materiale filmato inedito sulla leggendaria icona del reggae.[...]

"Twilight" la storia del vampiro e le musiche del film

Nelle sale cinematografiche italiane è finalmente arrivata l'attesa pellicola che ha riscosso un successo internazionale in breve tempo. Stiamo parlando di Twilight un film che sembra primeggiare sul podio allo stesso livello di Titanic ed Harry Potter.

La pellicola è stata presentata in anteprima, solo 15 minuti, alla scorsa edizione della Festa Internazionale del Cinema di Roma, raccogliendo numerosi consensi. La storia, tratta dal romanzo della scrittrice Stephenie Meyer dai noi intervistata qualche tempo addietro, ha del romantico, del fantastico ed dell'horror allo stesso tempo. Sarà questo il motivo del successo?[...]

Segui Patrizio Longo su...