arte

Bruno Munari: "Il più grande ostacolo alla comprensione..."

"Il più grande ostacolo alla comprensione di un’opera d’arte è quella di voler capire."

Bruno Munari

Vassily Kandinsky: "Il colore è un mezzo per influenzare direttamente un’anima..."

"Il colore è un mezzo per influenzare direttamente un’anima. Il colore è il tasto. L’occhio è il martelletto. L’anima è un pianoforte con molte corde. L’artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l’anima."

Vassily Kandinsky

Marguerite Yourcenar: "La musica, questa gioia dei forti, è il conforto dei deboli..."

"La musica, questa gioia dei forti, è il conforto dei deboli. La musica era diventata un mestiere che esercitavo per campare.
Insegnarla ai ragazzi era una prova penosa perché la tecnica li distoglie dall'anima. Si dovrebbe, penso, fargliene gustare prima l'anima."

Margherite Yourcenar 

Ludwig Van Beethoven: "La musica è una rivelazione..."

"La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza e filosofia. Chi penetra il senso della mia musica potrà liberarsi dalle miserie in cui si trascinano il resto degli uomini"

Ludwig Van Beethoven

Indeepandance la sintesi delle Arti a Milano dal 12 al 14 settembre 2008

Un evento che vede lo spettatore come parte attiva. Un lavoro multimediale per un'esperienza artistica innovativa.

“Nella storia della teoria musicale, Indeepandance trova in Richard Wagner un ideale precursore. Wagner trasformò il pensiero musicale attraverso la sua idea di Gesamtkunstwerk (Opera totale): sintesi delle arti poetiche, visuali, musicali e drammatiche nell’unità di spazio e di tempo.”

Su questa filosofia dell'ottocento Indeepandance si rivolge ai giovani che vivono il presente. Mettendo a disposizione uno spazio ben delineato da quattro maxi schermi lunghi circa 16 mt. ed alti 9. Dove al centro della pista si trova una pedana per dar spazio agli Artisti.[...]

L'arte del riciclo del vinile a Pesaro

L'arte del reciclare i supporti in vinile alla riscoperta del 33 giri non solo come supporto fotografico ma anche come mezzo espressivo. “33 Giri: 33 Illustratori: 33 Dischi” il progetto nato da un’idea degli illustratori Alessandro Baronciani e Luigi Raffelli.

Sono 33 i giovani fra disegnatori, grafici e fumettisti più o meno affermati della provincia di Pesaro, Urbino e dintorni che esporranno presso i vinili presso il negozio di dischi, fumetti e libri musicali Plastic.

L'incontro venerdì 23 Maggio ore 18 al Plastic Music Dispenser, in via Passeri, 31 – Pesaro.[...]

Intervista a Francesco Spinelli dei Casa: "Remake fra giochi linguistici e computer music"

Al microfono di EXTRANET ritornano i Casa per parlare del nuovo disco “Remake”. Un tema inaspettato per chi era aveva gustato il primo lavoro “Vita Politica”.

La Band apre un nuovo progetto creando un'interazione con i principali compositori di musiche elettroniche presenti in Italia.

Curiosità per i Casa sempre attenti alle diverse sfaccettature della musica rock in relazione all'arte contemporanea. “Remake” utilizza come immagine di copertina un lavoro di Pietro Grossi precursore della “computer music”

Strana la scelta di impostare un nuovo album su una canzone contenuta nel precedente?

Stavamo lavorando agli arrangiamenti dei brani inediti quando ci balenò l’intuizione di un progetto che ci avrebbe coinvolti in un ambito concettuale e non esecutivo. Quella di deporre gli strumenti per lasciar parlare interpreti a noi affini mi pare un’operazione inedita e coraggiosa. “Remake” non è un album di remix di un nostro brano: l’abbiamo inteso come la possibilità da parte di terzi di trasfigurare un pezzo in nostra vece. “Delegare” è pur sempre una scelta alla quale attribuire un’intenzione “originativa” e, dunque, artistica. Il magma eterogeneo che ne risulta si ricollega alle teorie del maestro Pietro Grossi per il quale ciascun messaggio fonico costituisce di per sé il punto di partenza per crearne altri.

La copertina di “Remake” utilizza, appunto, un’opera grafica di Pietro Grossi: perché questa scelta?

Trovo scandaloso che la maggior parte dei musicisti attivi nell’ambito dell’elettronica ignori la figura di uno dei primi e più radicali pionieri della computer music. Lavori come “Progetto 2-3”, “Collage” o “Unending music” sono opere di base, che riscrivono la maniera di concepire composizione e ascolto di un brano. Il suo catalogo dovrebbe venire riproposto in edizioni cd che rendano merito all’opera di un artista che fu umile e illuminato al contempo. Un ringraziamento sentito per la partecipazione al progetto “Remake” va all’associazione Pietro Grossi e alla moglie del maestro, Marcella Grossi Chelotti, donna di squisita intelligenza e di grande fascino.[...]

Le foto fuori dalle cornice!

Stravagante quanto creativa l'idea di un gruppo di Artisti che decide di proporre su Flickr una raccolta di foto che ritraggono uomini, animali, paesaggi, oggetti in 3D.

Non tutte le foto sono particolamente creative ma per alcune come quella della giraffa il risultato è divertente.[...]

Intervista audio a Ivan Cattaneo espressioni creative d'artista.


14:25 minutes (5.78 MB)

E' attore, musicista, poeta, cantante. Ivan Cattaneo fin da giovane ha espresso con immediata chiarezza la propria creatività mai scontata. Cercando di esprimerla fra i diversi strumenti di comunicazione.

Abile talent scout per diversi Artisti italiani, in particolare per Anna Oxa che si presenta i primi anni '80 con un il look di matrice punk e due canzoni che diventeranno successi internazionali “Revolver” e “Elektroshock”.

Cattaneo non ha presenza costante nel tempo sulla scena mediatica è questo forse il segreto della successo basato su una creatività innata dell'Artista.

Ha partecipato a diversi reality fra cui "Music Farm" e "l'Isola dei Famosi", anche se quest'ultima è durata solo per due giorni. Ascoltiamo Ivan al nostro microfono per ripercorrere questa brillante carriera.

Segui Patrizio Longo su...