Sociale

Canile di Taranto ancora maltrattamenti

Ancora notizie scandalose da quel episodio che sarebbe dovuto essere risolto da tempo. Il condizionale anche in questo caso è d'obbligo. Ne parlavamo nel post del 28 ottobre 2006 “Canile di Taranto. A pagare sono sempre i più deboli”.

Riportava così l'edizione del TG nazionale di Rai2 del 28/10/2006 delle 13.00. "A Taranto è emergenza canili. Più di mille animali ospitati in strutture pubbliche e private rischiano di rimanere senza cibo."

Un appello rivolto ai volontari per aiutare questi poveri animali che si trovano prigionieri delle strutture ed anche senza cibo e medicinali. Grazie a qualcuno che ha pensato di spendere i soldi destinati al Canile per altri scopi. Ci pervade l'idea forse personali.

Purtroppo non è cambiato nulla a distanza di alcuni mesi anzi la situazione è peggiorata.

Questi cani sono abbandonati due volte. La prima dal loro “padrone” la seconda dalle Istituzioni.

E poi dicono che siamo un Paese civile.

Ne parla il TG2 delle 20,30 nella puntata 14/05/2007. Sono abbandonati, al sole senza riparo e medicinali.

Questa la situazione in cui versano alcuni canili lager di Taranto.

A chi rivolgersi?

Inviamo segnalazioni agli Enti ENPA e LAV e magari se vi trovate a Taranto fate una carezza agli amici a quattro zampe.

5x1000 alla LAV

Anche quest'anno è possibile sostenere concretamente le azioni in difesa dei diritti degli animali destinando il proprio il 5 X mille dell’IRPEF alla LAV. Nei moduli della dichiarazione dei redditi CUD, 730 e Modello Unico per le persone fisiche, inserisci la tua firma il codice fiscale della LAV 80426840585, nel riquadro “Scelta della destinazione del cinque per mille dell’Irpef”: in questo modo il “5 per mille” delle tue tasse finanzierà direttamente le nostre campagne. [...]

La tua firma per la ricerca senza animali.

Anche tu puoi dire No alla vivisezione: firma la petizione on line (clicca qui) con la quale la LAV chiede al Governo italiano di sostenre lo sviluppo dei metodi sostitutivi all'uso di animali a fini sperimentali, in vista della revisione della direttiva UE 86/609 che da 20 anni disciplina la ricerca su animali ed è stata recepita in Itala con il Decreto Legislativo 116 del 1992. [...]

LAV contro sperimentazione animale - 24 e 25 Marzo 2007

Gli animali sentono come noi, soffrono come noi. Ma non sono come noi. Per questo gli esperimenti su di loro non sono solo inutili. Sono soprattutto crudeli e dannosi. [...]

Animali e Test Cosmetici - STOP

Ritengo sia un segno di inciviltà il testare su animali vivi i prodotti cosmetici. Non credete a chi vi dice che la sperimentazione server abolire problemi che si potrebbero verificare sul consumatore. E' solo un grande businness. [...]

Nonlosapevo.com - Vecchi commenti

2007 - 00:00
I commenti dalla precedente versione del sito su nonlosapevo.com

Canile di Taranto. A pagare sono sempre i più deboli

Notizia appena trasmessa dal Tg nazionale di Rai2 del 28/10/2006 edizione delle 13.00. "A Taranto e' emergenza canili. Piu' di mille animali ospitati in strutture pubbliche e private rischiano di rimanere senza cibo."

Una vera indecenza il Comune di Taranto al crack economico rischia di lasciare senza rifornimenti di cibo i Canili. [...]

No Lager

nolager

Sapevi che potresti essere proprietario di un lager?

Siamo sicuri di no. Siamo inoltre certi che questa affermazione assurda, eppure corrispondente alla realtà. E, purtroppo, non sei l asola persona in questa condizione.
La situazione coinvolge un elevatissimo numero di contribuenti, il cui comune finanzia, con i soldi pubblici, canili privati. Luoghi dove nessuno può accedere senza il permesso dei gestori. Luoghi dove i cani randagi sopravvivono in condizioni disumane. Dove vengono maltrattati e malnutriti, torturati e lasciati morire.

Per questo chiamarli canili ci sembra eufemistico. Per questo li chiamiamo lager.
Parola tristemente familiare, lo sappiamo, ma è l'unica che riesce a rendere l'idea di quello che abbiamo trovato in molti canili privati.

Strutture sovraffollate e totalmente inadatte, senza la necessaria condizioni igIenico-sanitarie, dove cani, privi di qualunque cura veterinaria, subiscono ogni genere di maltrattamento.[...]

NONLOSAPEVO.COM

lega anti vivisezione

Una nuova investigazione, condotta da Swiss Animal Protection e EAST International, ha portato alla luce orrori inimmaginabili all’interno degli allevamenti di animali da pelliccia in Cina: animali rinchiusi in anguste gabbie di rete metallica, completamente spoglie e senza riparo.

Una prigionia che provoca gravi effetti sul loro comportamento: stereotipie, passività, automutilazione, problemi di riproduzione, fino all'infanticidio. [...]

Segui Patrizio Longo su...