Sociale

Bisogna dire: NO al circo che utilizza animali

zebra

Dalla Newletter OPIA del 5/01/2010

Se non l’avete già fatto diffondete questo link ai vostri contatti, contiene le foto, scattate da una recente investigazione della Peta, dell’addestramento al quale vengono sottoposti gli elefanti: http://www.ringlingbeatsanimals.com/bound-babies.asp

Che non si creda che questi trattamenti per qualche curioso motivo vengano praticati solo da “alcuni” circhi, e non da altri, un’argomentazione ridicola che viene addotta proprio dagli stessi circensi, a loro difesa: “noi non usiamo questi metodi” Tutti i circhi per arrivare a “convincere” un elefante a compiere simili acrobazie utilizzano questi metodi. Non ci sono altri modi. Non c’è altro metodo se non l’utilizzo della forza e della violenza per indurre un animale, destinato da madre natura a ben altra vita, ad esibirsi così.

Quello che TUTTI noi possiamo fare, senza necessità di particolare organizzazione e tempo è un’azione a tappeto di informazione e sensibilizzazione presso gli esercizi commerciali e le scuole.[...]

Consigli per i botti di Capodanno

fuochi d'artificio

Dalla newsletter di Canili Milano del 30/12/09 alcuni utili consigli sui botti di Capodanno.

Mi permetto di ricordar che domani le città verranno bombardate di stupidi botti ed ogni anno un sacco di cani scappano.

Basterebbe guardare i verbali di accalappiamento e ci si renderebbe conto di quanto cani vegono accalappiati i primi giorni dell'anno..

A tanti sembrerà banale ma non per tutti certe cose son evidentemente scontate:

  • conduceteli in strada il meno possibile, e con collare ben stretto (sempre ovviamente muniti di medaglietta)
  • se li lasciate incustoditi in casa, (chiudete sempre bene tutto e magari accendetegli la radio ad alto volume) non lasciateli su balconi o in giardino (presi dalla paura potrebbero scavalcare o fare buchi o restare impigliati da qualche parte)
  • attenzione ad esagerare con eventuali calmanti (chimici) nel caso ci son tante erbe che rilassano

Loro non sanno che i botti sono i divertimenti umani e li temono, il loro udito poi è molto più sensibile del nostro![...]

Aderisci alla campagna: "La crudeltà non è più di moda"

La crudeltà non è più di moda, è questo lo slogan con cui l’OIPA lancia la nuova campagna contro gli stilisti di moda che si ostinano a proporre le pellicce nei propri capi d’abbigliamento

Negli ultimi anni, grazie al lavoro svolto dalle associazioni animaliste come l’OIPA , la pelliccia aveva perso quel fascino che la contraddistingueva in termini di status symbol. Questa presa di coscienza aveva causato la progressiva diminuzione della presenza della pelliccia su passerelle e strade, ma purtroppo molti stilisti si ostinano a riproporla sotto forma di inserti, come i colli dei giacconi, le sciarpe, le borse, i guanti, fino ad arrivare ai portachiavi o ai porta cellulari. Quella che altro non è se non la pelle di un povero animale, viene così inserita in oggetti legati al quotidiano, di fatto “normalizzandola”, allontanando sempre più l’attenzione del consumatore dal percorso tragico che l’ha prodotta.

La lista degli stilisti che continuano a usare la pelliccia per le loro creazioni è purtroppo lunga e l’OIPA ha preso la decisione di pubblicarla per rompere questo silenzio-assenso che da troppo tempo ne agevola l’accettazione.[...]

Firma la petizione per dire No al circo con animali

Gli esseri umani scelgono di svolgere la professione circense, gli animali non hanno la possibilità di scelta. Prelevati dal loro ambiente naturale vengono chiusi in gabbia, picchiati, frustati per il divertimento del pubblico, di grandi e bambini..

Urs Pilz, Presidente della European Circus Association, a guida di una delegazione di rappresentanti dei circhi, lunapark, scuole professionali di circo e comunità itineranti, ha annunciato la pubblicazione di una relazione unitaria sull’implementazione della Risoluzione del 2005 del Parlamento Europeo sui Circhi.

La relazione è stata presentata alla Parlamentare Europea Doris Pack, che si è battuta per la Risoluzione del 2005 ed è stata recentemente eletta presidentessa della Commissione Parlamentare per la Cultura e l’Istruzione. Afferma Urs Pilz. “La nostra coalizione desidera una collaborazione continua con la Commissione al fine di raggiungere ulteriori accordi nei prossimi anni”. Intitolata “Next Steps”, la relazione identifica anche le aree che richiedono maggiore attenzione. Le raccomandazioni puntano ad un ulteriore riconoscimento del contributo importante che i lunapark forniscono alla coesione sociale e alla cultura locale e delle arti circensi come parte della cultura europea. Per quanto riguarda i requisiti tecnici, la relazione richiede con urgenza dei provvedimenti per eliminare gli standard contraddittori che bloccano la libera circolazione dei circhi e dei lunapark. Sottolineando l’efficace creazione di un accordo francese tra circhi itineranti e le comunità locali, la coalizione chiede il sostegno per una carta a livello europeo.[...]

Il 5x1000 alle Associazioni di volontariato

In questio giorni stiamo assistendo al compito fondamentale che i cani stanno svolgendo nella tragedia del terremoto in Abruzzo.

Ogni giorno senza chiedere nulla i cani svolgono nella nostra società un compito importante aiutando l'uomo in diversi ambiti sociali.

A breve dovrete stabilire a chi donare il vostro 5 per mille. Vi suggerisco l'Associazione OIPA Italia Onlus. Molti gli  animali aiutati con le campagne informative. Puoi devolvere il 5 per mille ed aiutare i cani vittime dei soprusi dell'uomo.

Il 5 per mille consente ai contribuenti di destinare una parte delle imposte dell’IRPEF a favore dell’OIPA Italia Onlus. La destinazione della quota del 5 per mille è complementare (cioè si aggiunge) all’opzione del più classico 8 per mille destinato allo Stato e alle confessioni religiose riconosciute. Puoi quindi assegnare sia l’otto per mille che il cinque per mille. I redditi sono quelli prodotti nel 2008 e dichiarati nel 2009.

I modelli sono:

- modello CUD 2009
- modello 730 del 2009
- modello UNICO persone fisiche 2009

Donare il 5 per mille all’OIPA è semplicissimo:

devi apporre la tua firma nella casella “Sostegno delle organizzazioni non lucrative...” e indicare unicamente il codice fiscale dell’OIPA che è 97229260159.

Scarica di seguito il pdf con alcuni semplici esempi per donare il 5 per mille all’OIPA.

Al seguente indirizzo alcuni esempi in pdf delle schede da sottoscrivere.[...]

Il randagismo è un crimine dell'uomo. La portesta delle Associazioni

Vogliamo affermare con forza i diritti dei nostri amici pelosi, ribellarci alle spedizioni punitive contro i randagi, denunciare l’uccisione dei branchi e far capire alla gente di chi è veramente la colpa se il meridione d’Italia versa in questo stato di anarchia e inadeguatezza.

La newsletter di OIPA invita a manifestare contro la strage che sta avvenendo in Sicilia e far assumere le proprie responsabilità a chi di dovere, non ai randagi.

La manifestazione è fissata per sabato 28 marzo a Catania in P.zza Roma ore 16,30.

Le associazioni animaliste e ambientaliste denunciano le inadempienze dei comuni in Sicilia in questo articolo.[...]

A Natale regala un'adozione a distanza

Anche per questo Natale selezioniamo un'Associazione che lancia il progetto: Adozione a distanza.

Metti sotto l’albero un amico e fai un’adozione a distanza!

Regalare un cane per Natale potrebbe sembrare una buona idea, ma non lo è, per mille motivi, non ultimo il fatto che i "due nuovi amici" si devono reciprocamente scegliere. L'Associazione Canili Onlus Milano ha pensato di proporre un'alternativa: L'Adozione a distanza.

Potreste regalare un'adozione a distanza ad un amico che potrà poi venire in canile a scegliersi il suo nuovo amicone, e poi dovesse scoccare la scintilla.[...]

Canili Lager in Molise: riscalda il loro Natale con una cuccia

Regala un riparo ai 500 cani di Mirabello Sannitico. È una iniziativa di  Chiliamacisegua, Mi fido di te e Dogwelcom e per i cani di Mirabello Sannitico in Molise dove 500 cani accucciati a terra passano le notti e i giorni senza nessun riparo «a volte, la mattina -racconta un volontario - dobbiamo staccare con delicatezza le zampe incollate al gelo del pavimento».

Qui il link con il video del canile del Molise.[...]

La famiglia: lo coccolava ma all'arrivo del figlio lo considera una bestia feroce e lo abbandona

E' stato considerato, come spesso accade, il gioco del momento, il “bene” che andava a far dimenticare altri problemi.

Questa è la storia di questo cane che dopo essere stato accudito da una famiglia “amorevole” che non aveva figli, all'arrivo degli stessi, è stato dimenticato. Anzi è stato considerato come una bestia feroce pericolo per il bambino.

Che vergogna leggere queste storie e soprattutto sapere che esistono persone di questo livello. Preferisco non sprecare altre parole ma segnalare questa situazione.[...]

La sua fine è "quasi" segnata: essere abbandonata o finire in un canile lager

Il suo destino è segnato: finire in uno dei peggiori canili peggiori del Sud, in proivincia di Napoli. Attualmente il cane è con la proprietaria, una Signora di origini rumene che a breve, fine mese, tornerà al suo paese è vuole lasciare il cane in Italia: abbandonandolo o portandolo in un canile lager.

Si richiede un soggiorno anche temporaneo, non è possibile pensarla rinchiusa in un canile. Il cane è di media taglia, giovane, dolcissima anche con i suoi simili. Vaccinata, abituata a vivere in appartamento.[...]

Segui Patrizio Longo su...