Recensioni

Breakfast - Ordinary Heroes (2005 - Mescal)

A due anni di distanza dalla loro prima uscita discografica, tornano i Breakfast, progetto italo-australiano di Enrico Decolle e Maurice Andiloro. La storia è presto detta: nel giugno 2001 esce per Santeria/Audioglobe il primo Cd Breakfast, una raccolta di songs a metà tra pop e psichedelia sixties, registrate secondo i criteri e le tecniche analogiche usate negli anni '60.[...]

Franco Battiato - Dieci Stratagemmi (Emi - 2004)

Raccontare qualcosa su Franco Battiato è come rivedere parte della storia della musica indie rock italiana. I primi lavori lo vedevano per un pubblico davvero “indipendente” ai confini tra ska e rock. Successivamente il cambio di rotta, forse anche per un motivo prettamente economico alla metà degli anni ottanta. Disco di svolta “La voce del padrone” datato 1981.

A Toys Orchestra - Cuckoo Boohoo (Urtovox - 2004)

Il loro d’esordio è "Job" (2001 - Fridge Records). La giovane Band campana che ha saputo inserirsi con stile nel mondo indie rock.
Il lavoro dal titolo "Cuckoo Booho" sembra quasi una filastrocca. Come accade nel gioco della lingua assume diversi significati in italiano una frase buffa, nel vocabolario inglese “piangi forte cucù” se preferite “il pianto rumoroso del cucù”.

I Maniaci Dei Dischi - Hey Presto! (Temposhere Records - 2004)

Minù Painè Quadrelli e Michele Fontanelli aka Dj Fonx accumunati dalla passione per la musica in particolare la black music, il jazz le evoluzioni dell’elettronica nel 1999 decidono di realizzare un progetto dal titolo al quanto eclettico, come i suoi fondatori, I Maniaci Dei Dischi. I primi dj set accolgono ottimi consensi da parte del pubblico, il vero e severe giudice dello spettacolo.

MIR - A Taste Of (CNI - 2004)

Un vero viaggio musicale con i MIR , l’acronimo di man in red, la loro prima esperienza musicale A taste of. Un interessante esperimento musicale fatto di intrecci sonori Riccardo Conti e Michele Elia hanno una visione definita del termine musica elettronica. I loro nick in questo viaggio sono Meggy e Icks4, romani d’origine. Dodici tracce che irrompono nella tradizione della musica italiana e si confrontano con la Club Culture made in London. Un cocktail di suoni dove l’elettronica si incrocia con morbide sonorità acustiche provenienti dalla world music.

Incognito - Adventures in black Sunshine (Emi - 2004)

Il nuovo attesissimo album di Incognito, Adventures in black Sunshine in distribuzione dal 26 luglio 2004. Il ritorno di una band che ha rappresentato al meglio l’acid jazz nel mondo. L’album esce in occasione del 25° anniversario di carriera, è questo non può altro che confermare la qualità del lavoro. Fra i nomi dei musicisti in questo nuovo cd troviamo oltre Bluey fondatore e leader della band, Paul Weller alla chitarra ed il brasiliano Ed Motta come vocalist oltre al nutrito coro che da sempre contraddistingue il suono della band.

AA.VV. - Pepita vol. one (Casaluna - 2004)

Atmosfere ben delineate per la nuova raccolta Pepita volume one compilata da Ivan Iusco. Una selezione fra le etichette Compost Records, Grand Central, Stereo Deluxe, Wall of Sound il lounge-downtempo è di scena.

Thievery Corporation - The Outernational Sound (ESL Music - 2004)

The Richest Man in Babylon è il lavoro che rappresenta la creatività di Thievery Corporation il duo che sovrappone con estrema armonia: dub, reggae ed elettronica.

Nouvelle Vague - Self Titled (Peacefrog / Isthar - 2004)

Davvero un’idea originale in un tempo dove tutto è copia. Nouvelle Vague dietro questa sigla i francesi Marc Collin, produttore del nuovo lavoro di Avril su F Comunications lavoro presente da tempo in Extranet e Oliver Libaux che a pubblicato il suo disco con al francese Naive.

Kings of Convenience - Riot on an empty street (Source / Virgin - 2004)

Secondo disco dei Kings of Convenience dopo Quiet is The New Loud (2001). La band è formata da Erlend Oye e Eirik Glambek Boe originari entrambi di Bergen in Norvegia.

Per il duo ancora un disco importante e di riconferma della sapiente cura dei particolari, cosa che rende il tutto un’opera esteticamente bella e raffinata. Il singolo Misread ascoltatissimo in radio basterebbe a convincersi della qualità e dell’intensità del secondo progetto dei Kings Of Convenience.

Segui Patrizio Longo su...