Le guardie zoofile OIPA Caserta sequestrano 50 cani e gatti stipati in un furgone senza aria né acqua

Gli animali, fatti partire da associazioni locali, erano destinati ad adozioni nelle regioni del Nord Italia.

A seguito di una serie di segnalazioni sabato 4 maggio le guardie zoofile OIPA Caserta hanno intercettato e fermato un furgone che viaggiava sull’autostrada A1 direzione Roma e trasportava, privo di autorizzazione, animali diretti verso le regioni del nord Italia.

Gli animali, 50 tra cani e gatti di varie dimensioni, tra cui 7 cuccioli di cui alcuni affetti da gastroenterite, erano stipati in 29 trasportini e gabbie angusti e non adatti alle loro dimensioni, accatastati uno sull’altro, tanto che gli escrementi degli animali rinchiusi nelle gabbie sovrastanti cadevano su quelle sottostanti. Dal momento che la temperatura esterna raggiungeva i 30 gradi e il furgone era totalmente privo di aerazione, feritoie per il ricircolo dell’aria e climatizzazione, gli animali, che avrebbero dovuto viaggiare molte ore per raggiungere Milano, Torino Alessandria, erano sottoposti ad una temperatura insopportabile. Inoltre non sono state rinvenute ciotole o recipienti per l’abbeveraggio.

Le guardie zoofile OIPA Caserta hanno disposto il trasferimento del furgone presso la sezione distaccata della Polizia Stradale di Caianello per rifocillare gli animali e procedere al sequestro probatorio del furgone e di tutti gli animali, oltre a procedere con una denuncia per maltrattamento ai due conducenti del mezzo. Sono in corso ulteriori indagini per identificare gli autori dell’affido degli animali, in quanto responsabili in concorso di maltrattamento.

Gli animali sono stati affidati in custodia giudiziaria ad una struttura adeguata ed è stata avviata la procedura di affido giudiziario agli aventi diritti per i cuccioli affetti da gastroenterite o sospetti tali.

“Riteniamo vergognoso che associazioni locali, con la pretesa di salvarli, mettano in mano cani e gatti a persone senza scrupoli che organizzano veri e proprio viaggi da incubo, in cui i più deboli o malati rischiano la vita, per lucrare sulla loro pelle – sottolinea Marco Caterino, Coordinatore del nucleo di Guardie zoofile OIPA di Caserta e provincia – Le modalità per dare in adozioni cani e gatti che vivono in realtà molto difficili, come quella del casertano, non possono essere queste: gli animali devono viaggiare solo dopo aver effettuato tutti i controlli veterinari necessari e in condizioni idonee per rispettarne il benessere e le caratteristiche etologiche. L’OIPA sta contattando in queste ore le famiglie affidatarie per assicurare che, non appena verrà disposto il dissequestro, si farà carico del trasporto degli animali a destinazione”.

Per ulteriori informazioni:

Fonte: Ufficio Stampa OIPA
Alessandra Ferrari
ufficiostampa@oipa.org
Tel. 320 4056710

Segui Patrizio Longo su...