Intervista a Francesco Mignogna: "Il tempo che non c'è"

Intervista a Francesco Mignogna: "Il tempo che non c'è"

Un brano dedicato alla vita, un inno a non smettere mai di credere nei sogni e a tutto quello che il futuro ci riserva. Questa l'essenza che presenta: Il tempo che non c'è il singolo di Francesco Mignogna con la partecipazione di Valeria Rossi.

Al microfono di Patrizio Longo incontriamo Francesco Mignogna, bentrovato?

Grazie Patrizio, sono molto felice di essere oggi qui con te.

L'inno a vivere l'emozioni al massimo. Cosa ti ha spinto a lanciare questo messaggio?

È una riflessione che mi capita spesso di fare, credo che tutti dovremmo riuscire a vivere anche parti di vita che apparentemente non ci sono, ma che siamo noi gli stessi artefici del loro inizio.

Probabilmente è una delle cose più difficili da realizzare, dedichiamo gran parte della nostra vita a lamentarci di cose che non succedono oppure che sono successe o che non abbiamo vissuto abbastanza.

Permettimi di dire una frase che racchiude tutto questo concetto : Il tempo che non c'è dobbiamo cercarlo noi.

Come è avvenuto l'incontro con Valeria Rossi?

Ho conosciuto Valeria qualche anno fa al Festival Estivo di Piombino, una bellissima e importante manifestazione canora per chi fa musica.

Lo scorso anno durante la registrazione dell’album cercavamo un featuring importante, il primo pensiero che ho avuto è stato per lei.

Il testo e le sonorità potevano essere perfette per la sua voce e quindi senza pensarci su due volte gli ho proposto il brano inviandogli il provino.

Il giorno successivo in posta ho trovato la sua risposta, dove accettava la proposta di far parte di questo brano e da lì a poco abbiamo registrato le voci ed è partito il resto del progetto.

Sei un dj e musicista in entrambi i casi autodidatta?

Mi spiace deluderti ma non sono un Dj, nel 2009 sono uscito con un brano dal titolo Disco Dj che è stato inserito nella compilation di Hit Mania.

Il brano presentava una sonorità dance e molti addetti ai lavori hanno pensato (come te), che fossi un Disc Jokey, ma in realtà non è così.

Il mio strumento principale è il sax, ma vi posso rivelare che suono abbastanza male anche la chitarra e il piano, ho dovuto approfondire questi due ultimi strumenti perché mi aiutano a scrivere le canzoni.

Il tempo che non c'è anticipa la pubblicazione di album?

Sì, sarà un album che conterrà sette tracce inedite con arrangiamenti Pop italiani e alcune con arrangiamenti anni 80, suonate con gli strumenti di quegli anni.

Conterrà sia il duetto con Valeria Rossi sia un secondo featuring con un'altra big della musica italiana. Il nome del secondo feat è … bhe è una sorpresa.

Un brano che conservavi o scritto per la pubblicazione del CD?

Diciamo che tutte queste canzoni sono figlie di un tempo ben preciso, cioè degli ultimi tre anni.

È difficile conservare dei brani per tanto tempo, perchè in me si succedono periodi diversi anche a livello musicale quindi, intendo dire, che una canzone che avrei voluto pubblicare qualche anno fa sarà difficile vederla in una nuova pubblicazione.

Se dovessi fare un tributo alla musica italiana su quale artista faresti ricadere la tua attenzione?

Questa domanda è molto difficile, mi trovi quasi impreparato. Tutti hanno contribuito negli ultimi cento anni a fare grande la musica leggera italiana, se dovessi scegliere un’artista, sceglierei Lucio Dalla.

Hai in programma un tour di lancio?

Sì, oltre alla promozione in radio e le interviste che in questo momento stiamo effettuando faremo dei showcase in giro per l'Italia che anticiperanno l’uscita del secondo singolo previsto per fine ottobre.

Il tuo brano si sta facendo spazio in radio, tra i colossi della musica italiana e internazionale, te lo aspettavi?

Eravamo partiti con l'idea di fare il più possibile in radio, ma dopo pochi giorni dall’uscita del singolo abbiamo perso il controllo della situazione, sono iniziate a partire una dopo l’altra.

Mi sono ritrovato amicizie su Facebook sparse per l'Italia che mi dicevano di aver sentito il brano in rotazione fino ad arrivare a Radio Italia Solo Musica Italiana, solo in quel momento ho capito che avevamo fatto un bel pò di rumore.

Colgo l’occasione per ringraziare tutto il lavoro che la Tuscany Promotion sta facendo per questo progetto, una struttura che da il massimo all’artista e per l'arstista.

Un in bocca al lupo per questo progetto, ciao Francesco!

Grazie a voi e buon ascolto!

Foto: Ufficio Stampa

Segui Patrizio Longo su...