L'Appello al Ministro della Salute per CHIUDERE: "Green Hill" il lager della vivisezione

L'Appello al Ministro della Salute per CHIUDERE: "Green Hill" il lager della vivisezione

È ora di far sentire davvero al Ministero della Salute in quanti siamo a volere la chiusura definitiva di Green Hill, di tutti gli altri allevamenti e di tutti i laboratori di tortura!

In attesa del corteo del 25 settembre, quando migliaia di persone scenderanno fisicamente in piazza e faranno anche molti chilometri pur di dire NO alla vivisezione, possiamo inondare di e-mail tutti i contatti del Ministero.

La chiusura di Green Hill potrebbe essere decretata in un attimo se dal Ministero della Salute avessero la decenza di far applicare a questo allevamento le norme della Legge Regionale della Lombardia 33/2009 previste per tutti gli altri allevamenti di cani. La stessa Asl regionale e la stessa Regione Lombardia hanno evidenziato una discrepanza nel caso Green Hill. Adesso l'ultima parola spetta al Ministero.

La chiusura di Green Hill è un primo passo per un mondo liberato dalla vivisezione. Un primo passo in un percorso che stiamo cercando di tracciare e che vuole sfondare il muro di difesa che la lobby dei vivisettori ha eretto attorno ai propri centri di vivisezione con l'aiuto di politici compiacenti.

Segnalazione del Movimento Fermare Green Hill www.fermaregreenhill.net

Se la nuova Direttiva Europea sulla vivisezione è una delusione, possiamo sfruttare tutta la nostra rabbia per una lotta a denti stretti qui in Italia.

Facciamo sentire la nostra voce!

Invia la lettera di protesta alla pagina http://www.oipaitalia.com/vivisezione/appelli/gree...

Un corteo nazionale contro la vivisezione: Sabato 5 marzo 2011 - Milano in Piazza Duca D'Aosta alle 15.00. Per la chiusura di Green Hill e di tutti gli allevamenti di animali destinati ai laboratori.

Green Hill, il più grande allevamento d'Europa di cani destinati ai laboratori, con i suoi capannoni pieni di beagle prigionieri sulle colline di Montichiari (BS), è diventato un simbolo della crudeltà della vivisezione. Un simbolo da abbattere per aprire un nuovo percorso di liberazione e di lotta alla vivisezione.

Fonte: Newsletter di OIPA del 04/03/2011

Segui Patrizio Longo su...