Intervista a Stephenie Meyer

Dove trova l'ispirazione per rappresentare atmosfere gotiche nei suoi scritti?

Non vorrei caratterizzare l'atmosfera di twilight come “gotica”. Io userei la parola 'misteriosa'. Ho avuto l'ispirazione vivendo in una situazione esattamente opposta. Avendo passato la maggior parte della mia vita sotto il caldo, cocente sole dell'Arizona, ho sempre sognato di vivere in un posto freddo, verdeggiante, nebbioso. Inoltre, non ho mai visto altro che una città vasta, così l'idea di una cittadina era intrigante a causa della sua scarsa familiarità con me. Una piccola, piovosa città era il peggior incubo della mia eroina, ma era anche un'esperienza che vorrei provare.

In questa storia di una ragazza, Bella e il suo partner Edward che si rivelerà essere un vampiro, è presente qualche elemento autobiografico?

Non proprio. Non credo ai vampiri, e non ho mai avuto nessuna esperienza che mi induca a pensare che mi sbagli.

Secondo lei, quali sono le caratteristiche più importanti di questo lavoro?

La maggior parte della storia è solo divertimento. Gli unici temi che penso siano importanti dovrebbero essere il concetto di una libertà vera e le basi per un amore vero.
L'idea di poter scegliere, a prescindere dalle circostanze, è qualcosa che parla di me fortemente. I miei vampiri vivono una scelta difficile, ma riescono a superare la loro natura. Scelgono un destino diverso da quello che era stato loro assegnato. Penso che la scelta sia aperta per tutti noi. Penso che abbiamo la libertà di essere ciò che vogliamo. Con abbastanza determinazione, puoi superare qualsiasi cosa.
L'amore vero è l'altro tema che mi sento di condividere. Per me, l'essenza del vero amore è semplice: mancanza di egoismo. Il motivo per cui Edward è un eroe romantico è perché non è egoista. Chiunque vorrebbe essere amato in quel modo. Penso che i lettori lo pensino inconsciamente.

Un amore che diventa una trappola mortale. Come vedi questa esperienza? L'amore è un'arma che sempre riesce a ferire le persone?

Penso che l'amore sia solo un'arma quando viene usata in un modo diverso da come lo intendiamo. L'amore dovrebbe essere una cose bellissima che ci porta la felicità più profonda della nostra esperienza. Chiaramente, l'amore non sempre ferisce le persone – al mondo vi sono coppie felicissime che potrebbero provarlo. In twilight, la natura pericolosa dell'amore fra Bella ed Edward evidenzia la bellezza e la profondità dei loro sentimenti. La luce è più marcata quando viene contrapposta all'oscurità. Il lato più oscuro della loro relazione rende più “frizzante” quello luminoso.

Se dovesse definire il suo stile con un aggettivo, quale useresti?

Anche se suona un po' strano, userei la parola “sognante” (o onirico?). Un sogno mi ha dato l'ispirazione per questa storia, e mentre scrivevo ho sempre sentito un'influenza extraterrena. Il mondo di Edward e bella possiede una notevole dose di oniricità, e io ho avuto molti fans che mi dicevano di avere la stessa sensazione leggendo.

Il New York Times afferma "si presenta come un romanzo di formazione piacevole e convincente,e pure una lettura consigliata". Quanto ritiene calzante questa affermazione?

Sono sbalordito dalla critica riguardante Twilight, specialmente perché non avevo la minima idea di guadagnare soldi dopo averlo scritto. Era solo per divertimento personale. Sono veramente felice che una fonte così prestigiosa come il NYT abbia definito “un romanzo piacevole”.

Secondo lei quanto è importante lasciare inalterato il significato di un'espressione (parlo di semantica)?

Penso sia più importante mantenere il significato, la sensazione che da un espressione piuttosto che scegliere una traduzione letterale.

Quanto internet è importante per la diffusione del sapere?

Internet è una risorsa favolosa. Ho compiuto tutte le mie ricerche online e onestamente, non avrei mai finito il libro se avessi usato i metodi tradizionali come le librerie. Inoltre internet mi da la possibilità di interagire con i miei lettori, cosa impossibile 15 anni fa.

Sa cos'è il bookcrossing. L'ho ha mai fatto?

Non ho mai sentito parlare di bookcrossing.

Segui Patrizio Longo su...