Quartetto Cetra

Il ritorno in dvd del Quartetto Cetra

Il ritorno in dvd del Quartetto Cetra

Sono stati interpreti, con le loro musiche, di una società che cambia nello stile e nelle abitudini rappresentandola con le loro musiche e reintepretazione di classici della letteratura. Parliamo di Enrico De Angelis, Giovanni Giacobetti (detto Tata), Iacopo Jacomelli e Enrico Gentile un quartetto vocale, che prende il Quartetto Egie, dalle quattro iniziali dei nomi dei componenti. Per cambiare successivamente Quartetto Ritmo, quando andò via Iacopo Jacomelli ed al suo posto arrivò Virgilio Savona.
Sarà nel nel 1941 che con l'arrivo di Felice Chiusano (cantante dell'EIAR) che subentrerà a Enrico Gentile si cambierà il nome, definitivamente, in Quartetto Cetra.

Era il periodo dei 78 giri prima e dei 33 dopo per una carriera longeva nel tempo dove alla base c'era la passione per il jazz e lo swing che si ascoltava dalle stazioni radio americane rigorosamente in AM.

Il loro stile riesce, ancora oggi, a creare un'atmosfera che vive nei ricordi di due generazioni ed è apprezzata amche dai giovani per i toni allegri e spensierati delle interpretazioni.
Numerosi i brani che Il Quartetto porta al successo da: Il Visconte di Castelfombrone a Un disco dei Platters, Che centrattacco, Nella vecchia fattoria a Vecchia America per un'indimenticabile Un bacio a mezzanotte ed I ricordi della sera, Però mi vuole bene.

I Cetra si fanno conoscere alla radio ma con l'arrivo nel 1954 della televisione conquistano anche questo nuovo strumento con lo show: In quattro si viaggia meglio ed ancora ebbero successo anche in Biblioteca di Studio Uno, regia di Antonello Falqui, per la reintepretazione di classici della letteratura, come Il conte di Montecristo o I tre moschettieri. Una band che ha segnato la storia dello spettacolo in Italia anticipando i più moderni show.

Segui Patrizio Longo su...