Cristiano Godano

Cristiano Godano: "Nasconderò con miele colante il vuoto che avanza..."

"Nasconderò con miele colante il vuoto che avanza, io, ora, nasconderò dove vivevi tu. Dove vivevi solo tu. Solo tu."

Cristiano Godano

Cristiano Godano: "La mia emozione è un brivido..."

"La mia emozione è un brivido e non lo spenderò"

Cristiano Godano da Elisa Orlandotti: Marlene Kuntz. Un rampicatante del cuore in dirittura finale (2011 - Arcana)

Cristiano Godano: "La Rete è un riparo ma scatena l'aggressività"

"La Rete è un riparo ma scatena l'aggressività"

Cristiano Godano da intervista per Daily Wired del 21/12/2010

Intervista a Cristiano Godano di Marlene Kuntz: "il nome della Band, forse un peccato di gioventù"

Festeggiano il settimo capitolo di una longeva avventura con un disco intitolato “Uno” e scelgono un ambiente più soft dove raccontare l'emozioni di una band che ha fatto sognare milioni di ragazzi nel corso di questi anni passando dal rock-noise ad un simil-pop. Un cambio di direzione che non ha deluso i fans che adesso si trovano difronte una band dai tratti cantautorali che per un momento ha abbandonato le raffiche di noise di lavori come “Catartica”

Al microfono di EXTRANET incontriamo Cristiano Godano dei Marlene Kuntz Benvenuto.

Grazie, ciao!

Perché questo titolo “Uno”?

Perché quando io ho iniziato a concepire i testi del disco - e quindi ad entrare in una dimensione creativa ben precisa . in contemporanea alla mia creatività stavo leggendo un libro di uno dei miei scrittori preferiti: Vladimir Nabokov, l’autore di Lolita. Prima di lolita scrisse tanti libri, fra cui “La vera vita di Sebastian Knight”. A un certo punto, più o meno a metà, c’è una frase che mi ha colpito… per la seconda volta, perché avevo già letto quel libro… e dice: «Esiste un solo numero vero: uno. E l’amore, a quanto pare, è l’esponente migliore di questa unicità.» E questo mi ha persuaso ad andare nella direzione che poi ha portato al “concetto” del disco: l’amore, le sue declinazioni, il suo incanto e la sua dannazione. E poi mi ha suggerito un buon titolo, “Uno”, per il nostro settimo disco.[...]

Intervista audio a Cristiano Godano di Marlene Kuntz: "il nome della Band, forse un peccato di gioventù"


16:03 minutes (6.43 MB)

Festeggiano il settimo capitolo di una longeva avventura con un disco intitolato “Uno” e scelgono un ambiente più soft dove raccontare le emozioni di una band che ha fatto sognare milioni di ragazzi nel corso di questi anni passando dal rock-noise ad un simil-pop.

Abbandonati i suoni dei primi lavori in un cambio di direzione verso sonorità più pop non hanno deluso i fans i quali apprezzano l'aspetto a volte cantautorale distante dai primi lavori con le raffiche di noise di Catartica.

Al microfono di EXTRANET incontriamo Cristiano Godano dei Marlene Kuntz.

foto Andrea Verardi

Marlene Kuntz il tour di UNO

Una nuova avventura per la band di Cristiano Godano, che incontra la canzone d’autore.

La “poetica sonica” dei Marlene Kuntz si stempera in un nuovo e inedito corso, inaugurato dall’uscita di Uno, il settimo capitolo della storia di una delle band più amate e influenti dell’ultima decade. Le raffiche noise che fecero gridare al miracolo ai tempi di Catartica, in questo nuovo lavoro, virano verso le atmosfere intime e raccolte della canzone d’autore. Cristiano Godano e soci hanno scelto di portare, per la prima volta, i nuovi brani nei teatri, in un tour diverso e affascinante, che spoglia la bella Marlene e ne scopre i lati più lievi e sognanti.[...]

Segui Patrizio Longo su...